Torino barocca. La “città-scenario” della corte sabauda

Durata: 2 ore. Modalità: tour a piedi.

Tra il 1600 e il 1700 Torino venne ampliata e trasformata per volere dei Savoia che intendevano adeguare la città al ruolo di capitale del ducato sabaudo appena acquisito ed esibire la magnificenza della casata. I grandi architetti di corte, in particolare Guarini e Juvarra, furono incaricati di costruire palazzi eleganti con portici e facciate uniformi, vie rettilinee pensate come quinte teatrali e aperte su ampie piazze, e fuori città splendide residenze destinate allo svago e alla caccia. L’itinerario permette di scoprire le opere più significative del periodo: Palazzo Madama con lo scenografico scalone d’ingresso, Palazzo Reale e la Cappella della Sacra Sindone, la Chiesa di San Lorenzo con la splendida cupola a costoloni intrecciati, Piazza San Carlo con le chiese gemelle di San Carlo e Santa Cristina, e Palazzo Carignano dalla curvilinea facciata in cotto.

* ABBINAMENTI SUGGERITI
È possibile abbinare al percorso la visita guidata in uno dei seguenti siti:

Palazzo Reale e Armeria Reale
 Palazzo Madama
Palazzo Carignano

Reggia di Venaria Reale
 (con autobus privato)
Palazzina di caccia di Stupinigi
 (con autobus privato)